venerdì, giugno 01, 2007

NAPOLI CHE MUORE (52): Il silenzio omertoso.

"Non a tutti è possibile diventare eroi, ma è possibile per tutti diventare umani."

(Goethe)


Ormai è fatta. Le elezioni amministrative in Campania ci comunicano che va bene così, che è giusto far solo finta di risolvere i problemi della monnezza con il ridicolo e assurdo dispositivo di inviarla in Romania, Paese povero che forse in cambio di qualcosa avrebbe accettato...Paese con una dignità che giustamente ha rifiutato. E' giusto che tutto continui ad andare nel modo in cui va da decenni. E' giusto l'aumento della tassa sulla raccolta dei rifiuti urbani che non vengono raccolti perchè non si sa dove metterli. E' giusto il rischio d'epidemia, è giusto che i turisti evitino come la peste il nostro territorio, è giusto che sia aumentato il tasso dei tumori in Campania. E' giusto che al nord, dove sono state fatte scelte elettorali diverse, ci ritengano degli sporcaccioni da abbandonare nel loro pattume. E' giusto persino che in questo momento di sinistra contro sinistra qualcuno mi scriva "vaffannapoli" sul blog di Claudio Rinaldi e dichiari che il mio blog è un "vespasiano". Ed è anche giusto che il figlio d'una mia amica napoletana, dopo aver superato, segnalando la manovra, un'auto che marciava a passo d'uomo in via Manzoni, sia stato subito superato a sua volta e bloccato da un energumeno che, pistola alla mano, lo ha costretto a scendere, a mettersi in ginocchio e a chiedergli scusa. Così come è giusto che Ottoflash, che è medico di pronto soccorso a Napoli, mentre si occupava di un bambino con una distorsione alla caviglia, sia stato chiamato d'urgenza presso una donna, finita sotto un'auto, con l'addome squarciato, un'emorragia inarrestabile che richiedeva l'immediato ricovero in un ospedale più attrezzato, e un feto di tre mesi ormai morto nel grembo. E, dopo aver provveduto a mettere in salvo la donna ed essere ritornato presso il bambino con la distorsione, sia stato aggredito dal padre di quest'ultimo che, fermato dagli infermieri, lo ha poi minacciato con le seguenti parole:"Ora non ti posso fare niente perchè non voglio passare un guaio, ma ho la tua faccia stampata nella mia testa." E questa è storia di tutti i giorni. Così lavorano alcuni medici di pronto soccorso a stipendio fisso, eroi forzati senza alcuna vocazione all'eroismo, per far mangiare i propri figli.-------------------
In più, ieri sera Santoro, che è un uomo della mia terra, ha fatto lo scoop sui preti pedofili, che poi scoop non era, visto che il video della BBC circolava da un bel po' su Internet, e anche alcuni miei commentatori ne hanno parlato sui loro blog. Ma Santoro non voleva sputtanare tanto i preti pedofili, dato che ormai i pedofili stanno dappertutto, quanto il Vaticano accusato di silenzio omertoso. Io però ho un amico ex-prete che quando s'è innamorato d'una donna e ha chiesto al suo vescovo di poterla sposare, è stato mandato con lei per tre anni nella Guyana francese, in un luogo lontano da un centro abitato, infestato di scorpioni e serpenti, prima di poter sciogliere i voti. E qualcuno dovrà dimostrarmi che un prete che voglia sposarsi, per il Vaticano, commette un reato più grave della pedofilia. Io non lo credo, perchè ovviamente non tutti i preti sono pedofili. Ma nell'operazione mediatica di Santoro c'era anche un fatto personale contro Mastella, difensore della Chiesa, che, durante una trasmissione di Anno Zero, aveva rivelato agli italiani la poderosa cifra che Santoro incassa in un anno per fare il rivoluzionario in televisione. Evento che pare abbia spinto Santoro a fargli causa. Per me i preti pedofili non sono preti, sono comuni criminali come tutti gli altri che vanno giudicati e puniti da un tribunale penale. E se poi la Chiesa vuol punirli a sua volta tanto meglio. Ma Santoro non ha mai dedicato una puntata di Anno Zero alle sconcertanti sentenze di certi magistrati in alcuni casi di pedofilia, omicidi di bambini abusati da mostri, amatori di pedopornografia: condanne minime e patteggiamenti vari. Guardatevi nel blog di Beppegrillo il video del post: Traffico d'organi e bambini scomparsi. C'è una fabbrica occulta di bambini che quando nascono non vengono dichiarati all'anagrafe, bambini fantasma prodotti per i pedofili, per i pedopornografi e per l'espianto d'organi. Possiamo dire che una mucca e un pollo d'allevamento siano più fortunati. E che questi preti pedofili oltre a essere criminali sono pure fessi, visto che esiste gente che ha messo su organizzazioni per i loro sfizi senza pericolo di condanne e di sputtanamenti. Grillo dichiara che s'è sentito male e che vuol far sentire male tutti quelli che visitano il suo blog. Con me c'è riuscito. Per due giorni il mio stomaco ha rifiutato il cibo, e quando ho dovuto rimettere un boccone in bocca mi sono fatta schifo. Perchè sapevo che nulla era cambiato, fabbrica di neonati da sfruttare, violenza sui cittadini napoletani, spazzatura, silenzio del Vaticano sui pedofili, quel "vaffannapoli" che m'ha ferita, tutto era come prima, irrisolto ed immobile, ed io ero costretta a masticare il cibo per sopravvivere in quest'orrore. E adesso grido perchè non è mai stato fatto uno sciopero generale per protestare contro quello che viene fatto ai bambini, si pensa soltanto all'aumento dei salari per poter continuare a campare in silenzio dentro quella roulette russa che è la statistica: "Quante possibilità ho che non accada anche ai miei figli?" Sto gridando dal mio "blog-vespasiano", sto gridando che non me ne fotte niente del caso Visco, di chi sarà il premier del nuovo partito democratico o di quanti soldi si mette in tasca Santoro. Non me ne fotte assolutamente niente. Grido per far uscire quanta più gente è possibile da quel silenzio omertoso che pensa solo a mangiare, bere, dormire, andare al cesso e fottere, e assicurarsi i soldi per arrivare a fine mese trascinando anche i propri figli dentro questa roulette russa che va fermata con una rivoluzione. Costi quello che costi.

15 commenti:

embè ha detto...

Forse non ho il tuo coraggio, il tuo impeto, la tua visione del mondo nuda e cruda, ma sono d'accordo con quello che scrivi. Vorrei solo sapere, una volta scosse le coscienze, che possiamo fare. Nessuno è più padrone della propria vita ormai, anche se i più sono convinti del contrario.

gilda ha detto...

Ueuè, non ce la faccio più. Sto prendendo seriamente in considerazione la scelta di mollare tutto e andare via. Ma non solo da Napoli. Dall'Italia. Secondo me è anche inutile gridare e soffrire. Questo è il paese delle lamentele senza costrutto. Non cambia nulla, hai ragione tu. Vorrei andarmene in un luogo privo di benessere, ma ancora ricco di principi morali. Meno male che non ho messo al mondo figli, perchè starei anche peggio.

Oby ha detto...

Io l'ho fatto. non vi vivevo a napoli, vivevo a Bergamo, dove forse paragonandola a Napoli non ti puntavano le pistole alla testa per un sorpasso o non ti trovi le montagne di rifiuti sotto casa, ma allo stesso modo non è stato sufficiente per me dire che ero disposto a vivere con gente dalla mentalità che non mi corrispondeva. Io mi sono spostato a Londra da quasi un anno ormai, e ogni giorno leggo di come il mio amato paese è in mano a politici corrotti che governano su cittadini ottusi. Napoli è solo il culmine, è il faro di un'isola che si lamenta di tutto ma non vuole cambiare la propria mentalità. Al nord poi si tende a dare la colpa di tutto ai politici o al sud o agli immigrati. Mi spiace moltissimo per la situazione nella città dove vivi.

ueuè ha detto...

Grazie per le tue parole così umane, oby, ne avevo proprio bisogno. Non sono tanto i politici corrotti quanto i cittadini ottusi che mi fanno dannare.

un gruppo di dissidenti ha detto...

Ma le canne, ma le canne, a me piacciono di più!

vabbè ha detto...

Ueuè, cerchiamo di fare il punto della situazione. Per uno che ha il cervello pieno di condizionamenti culturali, politici e socialmente inutili, il tuo modo di affrontare certi argomenti, "obliquo" come lo chiami tu, può dare molto fastidio, perchè, essendo impossibile inserirti in una categoria, non sei di destra, non sei di sinistra, non sei clericale, non sei anticlericale, sei sicuramente una mina vagante, soprattutto perchè chi ti legge sente che sei autentica e priva di faziosità. E il tuo linguaggio, non essendo omologato, e quindi facilmente riconoscibile e familiare, sconcerta.
E come ci si difende da una mina vagante che costituisce un pericolo? Dichiarare che il tuo blog, è un "vespasiano", è solo una forma di difesa, un po' cretina e un po' volgare se vuoi, ma tu sei troppo intelligente per non capirlo.Sono andato a leggermelo sul blog di Claudio Rinaldi, e mi auguro soltanto che chi l'ha scritto sia un giovanotto fanaticamente condizionato e non un vegliardo con idee irriducibili. Quanto alla situazione generale, non credere che molti italiani non se ne rendano conto e non stiano riflettendo, anche se bisogna ammettere che molti sono ancora gli ottusi. Non c'è nulla di eterno sotto il sole, e se ci fosse un'alternativa in molti l'avremmo già scelta. Forse allora quel tuo commentatore che si firma Oby rivedrebbe le sue posizioni e tornerebbe tra i suoi connazionali.
Ma adesso è un fuggi-fuggi generale e non mi sento di incolpare nessuno per questo. Io sarei il primo ad andarmene se non avessi saldi impegni morali verso i miei genitori. Mi addolora quanto riferisci su quello che è accaduto ad Ottoflash, che ho anche visitato sul suo blog, è disumana una condizione di lavoro come la sua. Per i bambini siamo tutti d'accordo, non si toccano. Ma forse dirlo non basta. E' davvero troppo poco. L'avversione per la Chiesa fine a se stessa è una coglionata, e te lo dice un ateo. Magari i pedofili fossero solo i preti! Sarebbero pochi, individuabili e perseguibili!Purtroppo ce n'è una massa anonima, e ho l'impressione che in questo attacco ai preti, giusto e sacrosanto ovviamente, si annidi la volontà di stornare l'attenzione dagli altri. In ogni caso io sono con te. Ormai ti conosco, anche se non ti conosco!

Anonimo ha detto...

Tu o hai tre anni o ne hai centocinque,non ci sono vie di mezzo.

ueuè ha detto...

E invece ci sono, ci sono eccome. Se avessi centocinque anni sarei sicura d'essere alla fine della monnezza. Se ne avessi tre potrei sperare che è possibile rimuoverla.

Anonimo ha detto...

Hai letto "L'uomo dai mille volti" di Campbell? Ti sei mai guardata dentro uno specchio rotto? Avresti molto da imparare su te stessa.

ueuè ha detto...

No, mio caro anonimo, non l'ho mai fatto. Ma in questo momento avrei ben altri cavoli per la testa.

ottoflash ha detto...

Bè se non ricordo male il titolo dell'opera di Joseph Campbell è " L'eroe dai mille volti".....
Trattato sincretistico di antropologia mistica dove il principio comune di tutti i miti e e le religioni risiederebbe in un archetipo comune.
Il principio di individuazione Junghiana rispolverato e miscelato con elementi di mistica e mitologia eterogenea dall'antropologo americano...( peraltro ateo dichiarato..)
Siamo tutti d'accordo sig...Anonimo e allora?
Basta solo citare un opera o un testo per strutturare una critica costruttiva senza poi presentarsi e avere il coraggio di dire buongiorno io sono il sig. ...?
E poi se anche non avessimo letto o capito quest'opera così fondamentale dovremmo rassegnarci alla sua misera citazione?
Ci aiuti a capire sig Anonimo,forse gli eroi a cui dovremmo appellarci sono quelli di guerre stellari o gli Hobbit di Tolkien?
Ci aiuti a comprendere cosa si cela deitro uno specchio rotto...
No, perchè sa, noi umani pensanti,non formattati sugli stessi identici principi, se forse magari non l'avesse compreso, siamo tutta gente curiosa,curiosa di capire e soprattutto assatanati da una insana voglia di VOLERE CRESCERE..
... Bah ??? Io a Voi anonimi nun ve capisco propria......

Maya ha detto...

Ciao Uèuè.
Il tuo blog non è affatto un vespasiano! Anzi! Tu riesci davvero a far pensare!!! Forse è questo a fare paura a certe persone per le quali il cervello è un optional.
Per quanto riguarda i preti pedofili, sono d'accordo con te e e con vabbè il problema è molto più ampio. Sta nella pedofilia in generale che dovrebbe essere dichiarato crimine contro l'umanità e perseguito per davvero!!!! Condivido la tua sfiducia nelle isitituzioni, perchè non ci sono alternative credibili. La politica è una barzelletta e ha di fatto consegnato il paese alle mafie disinteressandosi dei problemi che sempre più gravi ci stanno stritolando tutti. Il teatrino di montecitorio o di palazzo chigi mi lascia sempre più disgustata e ho deciso di non andare più a votare. Perchè ormai destra e sinistra hanno perso di significato e scegliere fra lo sfacelo e lo sfacelo non è una scelta. Tante volte anche a me è venuta voglia di scappare via lontano, ma se noi parte sana dell 'Italia andiamo via consegnando il paese in mano ai balordi (mi sto autocensurando), allora davvero non c'è più speranza. Il fatto che ci siano ancora persone come noi ci deve far ben sperare nonostante tutto!
Ciao.

cazzandra ha detto...

La mia visione è più "globale".
Il mondo, in toto,è in ripida discesa.
La realtà materica corre all'impazzata e lo spirito arranca, non riesce a tenerne il passo.
Alcuni testi, risalenti anche a 50 anni prima avevano previsto tutto. Nei minimi particolari. Altri, addirittura,lo programmavano.
Strano vero?
Meglio dissacrare...

HOMO EUROPEUS
Risolvi con la clava tutti i problemi tuoi ti svegli già aggressivo è come tu vuoi la selezione è dura spietata come roulette non vuole oscillazioni e preferisce i cloni
yo po po po
non è tutto oro quello che fa luce e non è tutta merda quello che non piace......
homo europeus più forte di Zeus
ti svegli a mezzogiorno in ritardo col mondo ai blocchi di partenza siam fermi già da un pò si cerca un capitano ambarabà cicì cocò
la selezione è dura truccata da roulette e la vecchia apocalisse ritorna in mille risse....per
il cibo francese la macchina tedesca il vestito italiano la scarpa un pò all'inglese pellegrinaggio a Roma multiproprietà su in cielo il sesso anche via radio con gli scheletri nell'armadio...
homo europeus più forte di Zeus
ti svegli a mezzogiorno senza nulla intorno
homo europeus più potente di zeus
homo europeus che alzi il trofeus
yopo po po po
homo europeus nel grande rodeus
mama mama mama mia mama mama mama
mia....(P.P.)

VitoBarese ha detto...

Ave...
Non potevo non partecipare anch'io a questo post.
Inizio con una premessa, Ueuè, il tuo blog è molto letto, questo perchè scrivi molto bene, e hai un bel punto di vista. I commenti difficilmente scadono nello stupido o nel banale, e credo che tu, checchè se ne dica, ne possa andare orgogliosa.
Avrei tante cose da dire a proposito di quello che hai scritto, ma la prima cosa che mi è venuta in mente è un piccolo aneddoto. E quello scriverò.
Devi sapere che da prima di impare a scrivere io ho imparato a leggere la musica. Prima di compiere sei anni avevo iniziato a frequentare la scuola di musica comunale, che serviva, e serve da "vivaio" alla banda. Perciò, suono da molti anni nella banda del mio paese. Non sono un grande appassionato, e non sono neanche bravissimo, il mio clarinetto infatti lo metto in bocca solo quando vado a suonare nella banda. Però nonostante quasi tutti i componenti siano, ahimè, anziani, a me piace continuare a far parte della banda, vuoi il fatto che penso che questa sia una tradizione che va sparendo, vuoi per riconoscenza, vuoi perchè sono affezionato alla banda, vuoi perchè mi piace la musica classica.
Negli ultimi due anni la nostra banda ha subito un'avvicendamento al vertice, è cambiato il presidente, il"professore", uno dei più grandi chirurghi in Italia, ormai troppo anziano, ha passato le consegne al "dottore".
Mi sono un po'dilungato, ma ora vengo al dunque. Negli anni indietro la nostra banda era quasi una mafia, e quasi tutti quelli che ci sono dentro hanno chiesto un favore al "professore", che sia di saltare un po'di lista per l'ospedale, che sia per la ricerca di un lavoro, tutti l'hanno fatto. Sono passati molti anni, ma le cose non sono del tutto cambiate.
Di recente il miglior clarinettista di cui potevamo vantare (ha una trentina d'anni, per cui è anche abbastanza giovane), ha abbandonato.
Il mio vicino di posto, che ormai conosco da numerosi anni, (potrei dire che mi ha visto crescere), è un simpatico settantenne, oltre che un pochino pettegolo. E da lui ho saputo i retroscena del perchè questo clarinettista ha abbandonato.
Dovete sapere che questo ragazzo lavora alla Coop di un paese vicino (a cinque minuti da San Giovanni).
Lui durante il cambio ai vertici della banda chiese, prima al"professore" poi al "dottore", di essere trasferito a San Giovanni per avvicinarsi a casa.
Mi diceva questo simpatico settantenne che la banda ha provato ad aiutarlo facendo pressioni, prima alla Coop del paese e poi al comune, ma niente da fare. Il comune sapete cosa rispose? Non possiamo fare ulteriori pressioni alla Coop, perchè rischiamo di destabilizzare l'ambiente. Mi spiegava il mio vicino che questo ragazzo il trasferimento non l'avrebbe mai ottenuto. La Coop di San Giovanni è una casta di sinistra, e non poteva essere ammesso un ragazzo di destra. Lui stesso (il vecchietto), incalzava dicendo che la mentalità dei sangiovannesi è rimasta indietro di molti anni, ancora ai tempi della resistenza, e molti anziani, ma anche meno anziani, vedono la politica in questo modo distorto.
Per cui indipendentemente se al mio paese si candidassero come sindaco nel partito di sinistra Fassino, Prodi, D'Alema, Berlusconi, Fini o Bossi, vincerebbero le elezioni con un plebiscito (come è sempre avvenuto).
Mi scuso se mi sono dilungato, ma spero di esser riuscito a render l'idea.

ueuè ha detto...

Perfettamente, Vito. Grazie.