sabato, giugno 16, 2007

NAPOLI CHE MUORE (55): La piramide

Napoletani, corpargetevi il capo di cenere, mettetevi in ginocchio e chiedete perdono, perchè è tutta colpa vostra!!!

Una nota diffusa dalle agenzie di stampa riporta la relazione del ministro della sanità Livia Turco, esposta in commissione Igiene e Sanità del Senato. Ed eccone qui un estratto:
"Non ci sono problemi sanitari ricollegabili al perdurante accumulo della spazzatura nelle aree urbane, specie di Napoli. Non c'è alcuna evidenza di inquinamento delle falde acquifere, nè altri problemi riconducibili all'incendio dei cassonetti. E non sono stati notificati casi di malattie da ratti e insetti dovute ai depositi spontanei nelle vie. In ogni caso si sta provvedendo ad un monitoraggio continuo per l'eventuale adozione di misure tempestive.".

Praticamente è colpa vostra se avete la pessima abitudine di portare spontaneamente i vostri rifiuti nelle strade anzichè tenerveli in casa. Siete stati morsi dalle zoccole, punti da insetti? No? E allora che vi lamentate a fare? Aspettiamo prima che ciò accada e poi eventualmente interverremo.

"Non essendoci difficoltà di origine sanitaria l'unico vero problema sono i comportamenti
delinquenziali con logiche non spontanee, ma indotte."

Ma da chi? Qualcuno di voi ha ricevuto per caso un invito a protestare nelle piazze o a incendiare i cassonetti? Fosse stato il solito Berlusconi dalla sua splendida villa di Arcore?

"L'emergenza rifiuti è un problema antico e non limitato ai soli rifiuti urbani. Il volume dei rifiuti da discarica è aumentato anche perchè manca la raccolta differenziata."
E chi doveva promuoverla, sensibilizzando la cittadinanza, cominciando dalle scuole, dalla raccolta a domicilio per abituare la popolazione a questo cambiamento radicale e necessario, invece di ipnotizzarla con le feste di piazza?
Il ministro non ha fatto il minimo cenno, ovviamente, allo studio dell'Oms (Organizzazione mondiale della Sanità) commissionato dalla Protezione Civile -a proposito è inutile prendersela con Bertolaso il quale è costretto ad avere a che fare con varii tipi di camorra- che registra una forte correlazione tra la presenza di discariche abusive e l'incremento dei casi di patologie oncologiche e malformazioni neonatali.
Roberto Saviano ha scritto che se si costruisse una montagna con le ecoballe e tutta la spazzatura a cielo aperto in attesa di smaltimento avremmo la montagna più alta del mondo.
A questo punto m'è venuta un'idea. Chiamiamo un architetto -i giapponesi sono bravissimi in questo, e facciamogli progettare una copia della piramide di Cheope da costruirsi con tutto il materiale a disposizione e da rivestirsi con un prodotto plastico antiradioattivo -solo all'esterno- e resistente agli agenti atmosferici. Facciamone un monumento imperituro alla monnezza. Ma nella camera del re, affinchè tale memoria abbia un senso, riempiamo il sarcofago con tutte le nostre lacrime nelle quali avremo provveduto ad affogarci qualcuno.
------------------------------------------------------------------------------------------------
P.S. Questo post è del 16.6.2007. Soltanto oggi 26.6.2006, dopo un'ennesima riunione di tutti i responsabili è stata istituita presso la prefettura di Napoli una unità di crisi che monitorerà quotidianamente la raccolta straordinaria dei rifiuti. Ammesso che serva a qualcosa, ringraziamo il GRANDE CALDO che ha mosso i deretani dalle poltrone.

22 commenti:

finardi ha detto...

La questione del voler minimizzare quanto successo è un antica piaga tutta italica,il problema immondizia poi si aggrava del fatto che oramai è endemico,e sono sicuro porti disfuzioni e problemi anche sanitari,(mi pare vi sia un accenno su un tuo commento nel mio blg).
Di finardiana memoria ricordo problemi agli inizi degli anni ottanta,la questione resta la stessa,in oltre ventanni o forse trenta qualcuno DEVE averci guadagnato,come diceva A. Onassis il 99% delle questioni sono questioni di soldi.

Ecco il nodo gordiano espresso in termini generali,di solito nel nostro paese si gonfiano i bilanci di iniziative atte a sensibilizzare,di strutture previste se ne fanno in sovrannummero e alcune si lasciano non costruite,il clientelismo impera e magari si riempiono uffici pubblici o attività private sovvenzionate in gran parte dalle stato,nonostante questo qualcosa si riesce a portare avanti,qualcosa si attua,magari in maniera semi efficente,ma nel caso dello smaltimento dei rifiuti non si è fatto neppure il minimo indispensabile.

Non capisco come funzioni.

Anche se vi fossero forze che guadagnano dal sempre maggior introito di soldi per non risolvere la questione,portando poi a commissioni speciali che ricevono una valanga di denaro per fare nulla,dire di essere impossibilitati al lavoro per scarsità di mezzi da parte di netturbini di aziende private che ciondolano tutto il giorno(VEDERE REPORT),per avere un siffatto controllo della situazione alcuni di coloro che l hanno generata debbono per forza esservi a contatto,magari viverci.

Eppure le cose restano SEMPRE le stesse,che la ricchezza turi gli olezzi metifici?

Comunque suvvia dimostriamo che il bel paese è incivile in maniera omogenea e senza distinzioni di colore o credo politico

Dopo il nubifragio fiorentino dello scorso 7 giugno i cittadini che avevano subito danni a chiedono il rimborso,l'assessore ai lavori pubblici Paolo Coggiola demanda le responsabilità all azienda privata che ha istituito i lavori dicendo:se vai a comprare una penna in cartoleria e questa penna non funziona, ti devi rivolgere a chi ha fabbricato questa penna, non al cartolaio.

ottoflash ha detto...

Perdonami FInardi , ma tu ragioni troppo spesso per citazioni...
Questo sig. Paolo Coggiola ha detto una gran cazzata...
Mi dispiace per te che tu ne sia rimasto stregato...
E finiamola con questo paranoico girare la pizza...
QUESTO governo itaiano,QUESTO consiglio regionale e QUESTO consiglio comunale fanno schifo......
E finiamola anche con questo cercare di adossare alle precedenti gestioni gli stessi problemi irrisolti.....
Questa demagogia partitica fa acqua da tutte le parti.
Non essere capaci di risolvere un problema così grave è motivo valido per mandare a calci in culo tutti quanti.....
Nelel grandi aziende private , quelle che devono per forza grantire la positività di un bilancio, se il manager è incompetente se ne deve andare a casa......e se ne va a casa...
Addossare ai napoletani la colpa di non saper nuotare nel mare di immondizia che loro stessi hanno prodotto è cosa grave ed ingiusta.
Allora ?
Allora se Bertolaso non è all'altezza, come dice Pecoraro Scanio, invece di infierire montando polemiche demagogiche e proteste di piazza, si candidi lui, alla guida del commisssarito straoridinario per i rifiuti e soprattutto investa il suo tempo ( quello che noi paghiamo pesantemente) a RISOLVERE i problemi dello smaltimento e dell'ecomafia, invece di raprpesentare il governo in inutili e strumentali Gay pride......Ma non fateci ridere....
Ueuè ho già messo in moto amicizie all'interno del consiglio comunale per rendere realizzabile il tuo progetto egiziano.
Ho solo paura che quel sarcofago, qui a Napoli, possa essere facilmente profanato e scatenare una millenaria maledizione come quella della "Iervolino".( forse gia ci siamo....il Mattino di ieri ritraeva la Iervolino e Bassolino in uno storico abbarccio....T'aggiovoluto bbene aaaaa...te...)

finardi ha detto...

Era per ribadire la castroneria del signor Coggiola che la riporto,dimostrazione di come a tutte le latitudini si dicono panzane,mi dispiace che non sia riuscito a farmi capire.

rileggendo la frase"Comunque suvvia dimostriamo che il bel paese è incivile in maniera omogenea e senza distinzioni di colore o credo politico",pensavo si comprendesse come sia usato per schernirlo.

Mi spiace contraddirti ma nelle aziende private di un certo livello si riciclano non scompaiono,ti dò una mano:Cirio fallisce inciuci a non finire e il general manager cosa fa adesso?Il presidente del consiglio,ovvero Prodi.

E gli esempi si moltiplicano...

Non dico e non ho mai detto che questa QUESTO consiglio regionale o QUESTO consiglio comunale non siano colpevoli,dico semplicemente che siano la continuazione di uno stato di malgoverno che si protrae da molto tempo,evidentemente è compreso nel novero,assieme a molti altri,ho vi siete svegliati la mattina dall oggi al domani con tutti questi problemi?

La situazione più si è protratta più si stratifica,come un albero di cui bisogna cavare le radici più tempo è rimasto piantato più terra bisogna smuovere,tutto qui.

I gay pride centra come i cavoli a merenda,c è ancora il diritto di manifestare e non intacca per nulla le politiche per il paese,che sono carenti.

guglielmetti ha detto...

Bel pezzo,ueuè,concordo pianamente.E'una vergogna.

embè ha detto...

Devono nascere uomini nuovi per far rinascere Napoli. E donne che siano donne.

un gruppo di dissidenti ha detto...

Non ce ne stanno più
non ce ne stanno più
ho un grillo per la testa
ho un grillo per la testa...

come Siano ha detto...

Mi quoto per il finanziamento dell'opera.

deluso ha detto...

Con questi comportamenti assurdi e immorali le sinistre stanno aprendo la via alle destre. Io non li capisco più. E mi dispiace.

ueuè ha detto...

Finardi, mi spiace, non abbiamo voglia di litigare. E soprattutto abbiamo molto da fare. Dovrai dirigere altrove la tua aggressività se non vuoi che cada nel vuoto. Okay?

ueuè ha detto...

Il problema sta nel fatto che, come tu stesso scrivi,non hai proprio idea di come si vive a Napoli. Siamo tutti molto esasperati, stanchi, e sulle corde.
Tutti parlano e nessuno muove un dito. Non solo viene negata la realtà, ma si ha l'impressione che aspettino solo che con il caldo scoppi un'epidemia. E ciò è gravissimo. Solo per questo credo che nessuno abbia voglia e tempo per polemizzare. Ci basta una breve parola di solidarietà. Spero di avere chiarito. Poichè questo è un blog e non un forum pregherei anche Ottoflash che è stato chiamato in causa d'essere breve, succinto e compendioso nel rispondere. Ove mai volesse rispondere. Non sono interessata ad accumulare commenti. Non è il numero ma la qualità che conta.
Esistono ottimi blog con uno o due ottimi commenti.Et c'est tout.

VitoBarese ha detto...

Ave...
Purtroppo lo avevo già accennato qualche post fa e, anche se si trattava di acqua e non di rifiuti, non mi sembra di esserci andato molto lontano. E'andata a finire che lo scarica barile è andato a ricascare sul semplice cittadino, è proprio il caso di dire "cornuti e mazziati".
Comunque sia volevo sottolineare come avevo già detto a Ueuè che molti siti delle regioni italiane parlano della gestione dei rifiuti con cifre e con quello che è stato fatto. Il sito della Campania riguardo ai rifiuti parla solo di un breve mea culpa e di un faremo.

PS: So che non sono affari miei, ma vi prego, non fate la guerra...
(scusate se mi sono intromesso, è l'ultima volta, promesso)

vabbè ha detto...

Sono d'accordo con Ueuè. Meglio pochi commenti ma buoni.
Io mi chiedo questa gente dove voglia arrivare. Il comportamento del governo oltre a essere lesivo per gli abitanti della Campania, è autolesivo. E' chiaro che a questo punto, sentendosi abbandonato, ognuno prenderà le distanze.
Vito barese, nel post precedente ho scherzato, volevo far sorridere Ueuè che se la prende tanto a cuore.

Maya ha detto...

All'indomani dell'11 Settembre le autorità cittadine newyorkesi hanno sottolineato che l'aria era respirabile e l'acqua potabile. Rislutato dopo 6 anni sono morte tante persone e tante sono ammalate di tumore.
Il paragone forse non è adeguato ma le cavolate sono identiche!
Che il ministro della sanità dica che vivere in mezzo a rifiuti, lasciati per giorni al sole e con le diossine rilasciate nell'aria dagli incendi dei cassonetti, NON NUOCE ALLA SALUTE, è scandaloso.
Napoli vale meno di Milano o Roma che deve essere lasciata in mezzo alla monnezza????
Non stanno facendo il minimo sforzo, hanno lasciato Bertolaso (che mi sa di agnello sacrificale), a risolvere una cosa che è un'emergenza e una vergogna per tutto il paese.
Ma che Napoli non è in Italia?
Mandino l'esercito a raccogliere la spazzatura invece di mandarlo a fare guerre per il petrolio.
Le città del sud sono state lasciate in mano alle mafie mi sento sempre meno italiana e sempre più MAFILIANA.
Spero che facciano qualcosa per farmi ricredere.

ueuè ha detto...

Grazie, Maya, per il tuo contributo. E' di questo che abbiamo bisogno in questa drammatica circostanza. Un contributo di partecipazione e di solidarietà.

Oby ha detto...

Visto che siamo cosí amici degli stati uniti potremmo chiedere a Bush di venire a prendere tutta la nostra immondizia e buttarla in iraq come arma chimica. O meglio ancora di portarla a casa sua, dove sicuramente verrebbe riutilizzata per produrre degli ottimi big mac menu.

ueuè ha detto...

Credo che qui nessuno nutra simpatia per Bush, ma il problema è che ormai non c'è simpatia per alcun uomo politico, perchè Napoli viene trattata come fosse già una colonia.A parte che Bush in questa circostanza c'entra davvero come il cavolo a merenda.

miro ha detto...

munastero e santachiara
tengo o core scuro scuro...

senno di poi ha detto...

Ed è questa la gente per cui abbiamo votato!

embè ha detto...

Brava. Insisti. Non demordere Ueuè.

gilda ha detto...

Con l'influenza virale, resto con te. Abbasso tutta questa gentaglia!

l'osservatore campano ha detto...

Invero il comportamento delle sinistre in questo frangente è troppo becero. Comincio a chiedermi se non sia mirato ad ottenere un convogliamento d'opinione tipo: morto il re viva il re. Solo così potrebbe spiegarsi il suo atteggiamento suicida. Mettere una popolazione alle corde e farla fuggire, mantenendosi pronti ad accoglierla... da un'altra parte.
Intanto però san Gennaro ci ha mandato un delizioso venticello rinfrescante...

Anonimo ha detto...

Una piramide? Oh, codesta l'è proprio bella!