lunedì, agosto 06, 2007

NAPOLI CHE MUORE (64): Puzze reali e profumi virtuali

L'abolizione del fumo nei locali pubblici in Gran Bretagna ha ottenuto risultati imprevisti.
Pare infatti che la nebbia delle sigarette coprisse alcuni ributtanti malodori quali puzzo di birra rancida, di sudore, e di fogna.
.
Se ci mettiamo anche le restrizioni che ci provengono da chi crede di salvare il mondo inducendoci a limitare l'uso dell'acqua per l'igiene del corpo, e gli effluvi naturali che quest'ultimo emana dalle sue aperture, si comprende perchè ogni gestore di pub stia cercando di ovviare ricorrendo ad alcune fragranze testate che riproducono la brezza dell'oceano, l'odore dell'erba tagliata di fresco -quella per i conigli, non quella per gli omminicchi- da spruzzare all'interno dei locali per coprire le puzze.
.
Ma io ricordo un mio soggiorno a Francoforte nel corso del quale fui costretta a cambiare quattro hotel ricchi di stelle e di cattivi odori provenienti dalla moquette edulcorata con deodoranti che mi ricordavano certe toilettes delle arie di servizio, e che mi costrinsero, fortunatamente, a riparare in una deliziosa pensione con i parquet ancora lucidati a cera.
.
Forse se i gestori ristrutturassero i loro locali e mettessero una doccia a disposizione degli avventori, con l'obbligo di lavarsi prima di entrarci, come si fa per le piscine, forse.
Ma poi arriverebbero i fanatici a chiudere rubinetti e locale. Meglio zozzi.

Forse questo un giorno potremo realizzarlo su Marte se ci troveremo l'acqua, e se non riusciranno a convincerci che sporco, insieme ad un'altra serie di schifezze, è bello.
.
.fonte: la Repubblica.

12 commenti:

cazzandra ha detto...

Sì, magari con qualche stanzetta laterale per appartarsi dopo essersi docciati...Ueuè ma tu vorresti trasformare un pub in un casino?

ueuè ha detto...

Francamente non ci avevo pensato.
Ma non è meglio un casino profumato di pulito che un pub pieno di fetori?
Oddio, Cazzandra, m'hai creato un problema.

guglielmetti ha detto...

Certo che dopo una buona doccia...

embè ha detto...

Dopo una buona doccia il mondo è mio!

guglielmetti ha detto...

Non sarebbe meglio se fosse nostro?

miro ha detto...

Qui, accanto alla mia casetta c'è acqua sorgiva che scorre, e l'aria profuma di mare.

ueuè ha detto...

Miro, verrò a trovarti sul tuo blog per riversarvi tutto il nervoso che mi fai venire con le tue idilliache descrizioni. Mi susciti reazioni negative. Io non ho mai invidiato nessuno, sappilo, finchè non sei arrivato con la tua isola su questo blog.

gilda ha detto...

Insomma le puzze, almeno quelle organiche,provengono da materia in decomposizione o no?

vabbè ha detto...

A mio modesto parere le puzze da coprire stanno diventando troppe, in ogni settore. E loro amico è il tempo che si è accelerato. Faccio un piccolo esempio: Basterà un mese di silenzio vacanziero a portare in terza pagina scandali e pendenze italiane? Io dico di sì.
Anche perchè a settembre nuovi scandali e nuove crisi pioveranno come rane. Tant'è che qualcuno già mette le mani avanti e fa previsioni. Il sistema di coprire le puzze con nuove puzze è più pratico ed economico, e più veloce, di quello che vorrebbe eliminarle partendo dal basso.
Siamo tutti figli di una coscienza effimera.

Oby ha detto...

Io ho sempre creduto che l'odorino londinese caratteristico provenisse dal Tamigi. Sai com'è si dice che sul fondo siano ammassati cadaveri risalenti all'epoca di Jack lo squartatore.

cazzandra ha detto...

Diceva Totò che solo le persone sporche si lavano perchè quelle pulite non ne hanno bisogno!

Ueuè ha detto...

@ Oby, sempre terribilmente romantici questi inglesi!

@ Cazzandra,no, ce n'era anche un altro che dovevo costringere con una pistola giocattolo sotto la doccia! E che per fortuna è andato a profumare un altro letto!